La borsetta del risparmio – Pesto alla genovese fatto in casa

OGNI GIORNO: UNA RICETTA FACILE – VELOCE – ED ECONOMICA – PER TUTTI

Abbiamo parlato dell’utilità e la convenienza di avere le erbe aromatiche sul nostro balcone, oggi vediamo come metterla in pratica… con il pesto genovese fatto in casa.

Semplice da preparare e perfetto come condimento per i piatti estivi, (e non solo, vi basterà conservarlo in barattoli di vetro sterilizzati per avere la vostra scorta invernale) ecco la ricetta del pesto alla genovese per eccellenza:

Cominciamo!

PESTO ALLA GENOVESE FATTO IN CASA

Ingredienti per 4 persone: 50 g foglie di basilico DOP – 2 spicchi d’aglio di Vessalico (varietà meno forte e più digeribile) – 15 g pinoli – 70 g Parmigiano Reggiano – 30 g pecorino fiore sardo – 100 ml olio esxtravergine di oliva – un pizzico di sale marino grosso

Il primo passo consiste nel pulire le foglie del basilico: fatelo con un panno morbido, senza bagnarle. In alternativa, lavatele ma lasciatele asciugare perfettamente: questo passaggio va fatto con delicatezza, perché se le foglie si stropicciano o si spezzano risulteranno annerite e renderanno amaro il sapore del pesto. Utilizzate un mortaio di marmo e un pestello di legno (se non li evete potete tranquillamente usare il mixer usando gli accorgimenti menzionati sotto), con i quali ridurrete in poltiglia per primi i due spicchi d’aglio sbucciati e qualche grano di sale.

Aggiungete quindi le foglie di basilico e il sale rimanente, e con movimenti circolari continuate a pestare: vedrete che dal basilico uscirà un liquido verde vivido, è questo il momento di mettere i pinoli.

Infine, continuando a mescolare, aggiungete i formaggi grattugiati e l’olio, a filo, poco alla volta.

Fondamentale è il tempo che dedicherete alla preparazione: deve essere il minore possibile, solo così eviterete che il basilico e gli altri ingredienti si ossidino.

Un rischio nella buona riuscita è legato all’uso del frullatore, che scalda il pesto e lo rende amarognolo; se non avete mortaio e pestello ricorrete a questi trucchi: azionate alla velocità più bassa e frullate a scatti per non far alzare la temperatura del composto, ponete il recipiente e le lame del frullatore in frigorifero per un’ora prima di iniziare a preparare.

Potete conservare il pesto in frigorifero fino a dieci giorni coperto di olio di oliva in superficie. Oppure potete metterlo in freezer e poi scongelarlo a temperatura ambiente, e infine anche in barattoli sterilizzati da tenere nella vostra dispensa.

Buon Appetito!

Ricetta presa da: nonsprecare.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.