La borsetta del risparmio – Come sterilizzare i barattoli di vetro

OGNI GIORNO: UNA RICETTA FACILE – VELOCE – ED ECONOMICA – PER TUTTI

VEGAN – VEGAN – VEGAN – VEGAN – VEGAN – VEGAN – VEGAN – VEGAN

COME STERILIZZARE I BARATTOLI DI VETRO

Buongiorno a tutti.

Oggi parleremo di un argomento molto importante per la sicurezza nella preparazione delle conserve: la sterilizzazione (pastorizzazione).

In questo periodo vi proporrò piuttosto spesso ricette da inserire nei barattoli di vetro in modo da averne per tutto l’inverno.

Bene, è importantissimo però, prima dell’utilizzo, sterilizzare i vostri barattoli in maniera corretta.

In questo modo si eviterà di incorrere in malattie molto pericolose e talvolta fatali, come ad esempio il botulismo.

Cominciamo!

Occorrente: una grossa pentola – acqua

L’unico trattamento di stabilizzazione termica che può essere applicato in ambiente domestico è la pastorizzazione. Tale trattamento deve essere effettuato immergendo completamente i contenitori in acqua. In commercio è possibile reperire pentole create appositamente per questo scopo.

Attenzione: Questa procedura deve essere eseguita due volte; la prima con i barattoli vuoti e la seconda volta con dentro la conserva, che non deve arrivare fino al bordo (lasciare 1 centimetro).

In ogni caso questa procedura può essere eseguita con qualsiasi pentola.

Dal momento che il livello di acqua deve sovrastare almeno di 5 centimetri quello del tappo del contenitore, si consiglia di utilizzare pentole di una decina di centimetri più alte dei contenitori da trattare.

Coprire la pentola con il coperchio e portare l’acqua ad ebollizione. A questo punto l’erogazione del calore può essere regolata ad un livello più basso, ma comunque in grado di garantire sempre un’ebollizione uniforme e vigorosa.

Se il livello dell’acqua dovesse abbassarsi sarà necessario ripristinarlo mediante aggiunta di acqua bollente che non dovrebbe essere versata direttamente sui contenitori, ma negli spazi tra un contenitore e l’altro.

Se l’ebollizione dovesse cessare bisognerà aumentare l’erogazione del calore. Se l’erogazione del calore avviene mediante sistemi ad induzione di calore, la pentola per la pastorizzazione non dovrebbe essere più larga di 10 centimetri rispetto al diametro dell’elemento riscaldante.

Il tempo necessario dipende dal tipo di conserva, dal tipo di contenitore e dalla sua grandezza, comunque di solito è di 20-25 minuti. Tale tempo va misurato partendo dal momento in cui l’acqua raggiunge una vigorosa ebollizione.

Nel caso in cui l’ebollizione sia interrotta, la misura del tempo di trattamento va interrotta e ripresa dall’inizio quando l’acqua bollirà nuovamente.

Nei contenitori di metallo gli scambi termici sono più veloci ed il tempo di pastorizzazione è minore rispetto ai contenitori di vetro, al contrario contenitori più grandi necessitano di tempi di pastorizzazione maggiori.

L’erogazione del calore dovrà terminare soltanto quando sarà ultimato il tempo di pastorizzazione.

Dopo 5-10 minuti dal completamento della pastorizzazione sarà possibile estrarre i contenitori dalla pentola, lasciandoli raffreddare avvolti in una coperta di lana, in alternativa possono essere lasciati in acqua.

La verifica della pastorizzazzione deve avvenire il giorno dopo.

Premendo con il dito al centro della capsula o del tappo non si deve udire un “click clack”.

Un’ulteriore prova può essere fatta battendo con un cucchiaio sul tappo.

Se il tappo emette un suono metallico, la chiusura è ermetica e il contenitore sotto vuoto, se altrimenti emette un suono profondo, il contenitore non è sottovuoto.

Nel caso in cui siano stati utilizzati tappi con sicura e guarnizione in gomma, il controllo dell’ermeticità e del vuoto all’interno del contenitore può essere effettuato togliendo la sicura e provando ad aprire il coperchio facendo una leggera pressione. Se il coperchio non oppone resistenza significa che non è chiuso ermeticamente e non è sotto vuoto.

Io preferisco usare i barattoli con il coperchio detto “click-clack” perché è anche il più facile verificare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.