La borsetta del risparmio – Tigelle

OGNI GIORNO: UNA RICETTA FACILE – VELOCE – ED ECONOMICA – PER TUTTI

Buongiorno a tutti.

Eccoci con una ricetta per avere del pane in pochissimo tempo e senza utilizzare il forno.

Se volete delle tigelle perfette, potete farle anche con lo stampo specifico.

Cominciamo!

TIGELLE

Ingredienti per 4 persone: 500 g di farina – 200 g di panna – 25 g di lievito – 150 ml di latte (50 ml per sciogliere il lievito e 100 ml per l’impasto di farina) – 10 g di sale – 2 cucchiai di lardo (o se preferite la stessa quantità di olio extra vergine di oliva)

Preparazione:

Disponete la farina a fontana, sciogliete il lievito con 50 ml di latte a temperatura ambiente e mettetelo al centro della farina, aggiungete il sale e cominciate a impastare.

Aggiungete la panna e se necessario del latte e continuate a impastare fino a ottenere un impasto compatto e omogeneo. Ponete l’impasto in una ciotola e fate lievitare almeno 2 ore.

Trascorso questo tempo lavorate di nuovo l’impasto e formate delle palline di circa 40 gr l’una.

Lasciatele lievitare di nuovo. Prendete le palline e schiacciatele con le mani oppure con un matterello. Ricavate dei cerchi di circa 7/8 cm. Ricaverete almeno 20 tigelle.

Scaldate una pentola antiaderente, ungetela con pochissimo lardo (oppure olio di oliva) e  cuocere le tigelle, circa 10 minuti per parte.

Devono essere dorate su ogni lato. Servite le tigelle ben calde accompagnate da salumi, formaggi, miele ecc.

Buon appetito!!!!

Fonte:

2 risposte a “La borsetta del risparmio – Tigelle”

  1. Bambina a cavallo degli anni 40′ e 50′ tra i campi assolati della Sicilia sud-orientale che si affacciano all’Africa per un braccio di mare, ove d’estate il sole picchia anche per temperature oltre i 45°C, in campagna si avevano delle piastre di calcare ben levigate esposte al sole estivo lontane dai casali. Interrotti i lavori a mezzogiorno, i contadini su di esse sfregavano un pezzetto di lardo e vi cuocevano le uova o una fettina di carne o anche il pesce, quelli che i campi li avevano vicini al mare e lo compravano all’alba dai pescatori che ritornavano a riva. Il pane lo avevano casereccio ma, forse, avrebbero potuto cuocere anche le Tigelle. L’acqua e il vino erano in anfore di argilla non smaltate esternamente, anch’esse tenute al sole bagnate frequentemente: e l’acqua e il vino contenuti si mantenevano freschi e dissetanti. Un malanno dell’età è il tempo passato che affiora coprendo il presente: scusami se così divago… spesso… qui da te…

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: