COVID-19 – BOLLETTINO DEL 27 SETTEMBRE 2020

Dati della Protezione Civile – Ore 17:00

Quiz Time! 173

Siete pronti per la domanda di oggi?

Se vorrete, potrete dare la risposta nei commenti.

La risposta giusta sarà pubblicata domani. In bocca al lupo!

Are you ready for today’s question? Look carefully at the image!!!

If you wish, you can answer in the comments.

The correct answer will be published tomorrow. Good luck!

QUIZ – COS’E’?

QUIZ – WHAT IS IT?

La risposta al quiz di ieri (QUIZ – CHE COS’E’?)/The answer to yesterday’s quiz (QUIZ – WHAT IS IT?):

Soluzione: IL SUO COPERCHIO

Solution: ITS COVER

indovinello preso da: https://www.youtube.com/watch?v=aYl171p_KlA


Women’s stories – Sally

Today I tell the story of Sally, who after so much pain in her family of origin, torn by quarrels, finds herself having to experience the same suffering in her married life.

“The beginning of the end, I start from here. Today is the beginning of the end. I feel this way, with this revelation, which resembles the joy of when I took you in my arms for the first time, when I felt so powerful that I was able to give birth, to give birth to new life from my womb.

It was an explosion, the lighting of a light bulb that suddenly turned off the darkness that covered for years what I did not know, what I could not know before.

I am a mother, yes. I am your mom. And that time, the first time the darkness went out, is when you were born. At that moment I realized that nothing would ever be the same “.

SALLY

But this time it is me who is born, or rather, who is reborn. It takes courage, you know? It takes courage, to question ourselves, to look inside this vase where everything enters, sometimes with violence, sometimes drop by drop, but almost nothing comes out. Yet I am here, after all, after all these years of soft light and dim light, after the light that you brought, after the pain that breaks everything, the abandonment, the sacrifices, the anger, the disappointment, the confusion…. ‘, the confusion…. There is a great confusion here, the memories mix, the pains fade with time but do not disappear, they remain like wedges and the only proof is the water, the dripping drops, like a broken tap, because the vase is full and in order not to explode let this pressure cooker vent. Who am I, who have I been so far? I have been a daughter, sister, spectator, actress.

I have been engaged, wife and mother. Now I am your mother, but perhaps I have always been a bit of a mother, because in my family I was the elder sister. With more responsibility, with the commitment in the morning to accompany my younger sister to the nursery, before going to school, and after the commitment to go and pick up my middle sister. When I was in junior high, I went out at 4 and waited for my sister to come home together. They are small things, I know, but at the age of 12 I already had the Responsibility. Here is another leitmotif: Responsibility. I guess I was never just a daughter. Well, in fact, on my first birthday there was already my brother, that much hated brother, but perhaps the only person who has ever allowed me to behave as a child. I was little with him, I stole his pacifier, I made him cry, I (was?) Envious of the attention my parents gave him, but all in all, even if I don’t remember it anymore, I was a child with him. Then, when 5 years after my brother, my sister arrived, that’s where my childhood ended. It ended immediately after the joy, the emotion that only a birth can give, after the satisfaction of having won the bet against my brother and that of having a new baby doll for the house.

Yes, because if my jealousy ended there, with the victory for a new little sister, there the battle between them began, my brother’s jealousy towards my sister. Finally, after another 5 years we are complete: 4 children and two parents. A mom, dad, older sister, brother and two sisters. Many for a single family, but alone in a country without roots for my parents who emigrated from the south. What family were we? A special family, a normal family, maybe both, who knows? In the end, every family is unique and it all depends on who is part of it. My parents never got along. For a long time I wondered if they were still screaming and screaming at each other about things that happened before I was born, before they got married, how did they keep in mind all those details years, sometimes decades, after they happened? I can’t do it, I forget, how hard it is to keep painful episodes in mind, better to let it slip, let the sand smooth on the shore, prepare a blank sheet for the next chapter. Well, that’s it, I never understood my parents. Why keep harming yourself? Yet after the worst fights, after the slaps, the deafening silences, the months of sleeping on the sofa, not talking, not even with their children, to blame everything in front of us … and yet, after the lawyer, the threats, the pleas , in the end he on his knees begged her to forgive him. And so they made peace, the serenity lasted the time of some picnic and we started again, and each time we relived the same things, even if each time it was like taking one more step, one more step towards madness. And what was I doing? I was the elder sister and I felt Responsible because I had to protect my brothers. So, when mom and dad argued, we locked ourselves in the room or bathroom and told each other stories, sometimes we tried to overhear the arguments to figure out who was to blame that time. We played the game of the assumptions, to divert attention from the screams, I had invented it in a moment of tension to explain to my sister that there is a reason why people behave in a certain way, just understand what their assumption is, their belief, what goes through their minds before they say or do something. I had forgotten it, my sister just reminded me a short time ago.

When it happened that there was only me in the house, however, I tried to mediate, I asked questions and gave answers, I explained to one the motivations of the other and vice versa. I also felt responsible towards them, as if I had created the family with my birth and not them with their marriage. It’s amazing how an insecure and shy little girl can feel so omnipotent and self-centered. Yet I felt the cause of everything that happened in the family, all the good and all the bad was somehow my fault. Growing up the problems have increased, it could only be like this, I know this now, but when I was there in the middle between the screams and screams of mom and dad that added to screams, screams and blows between my brother and my sister, I could not understand how things always got only worse. And here is the worst moment. I was in high school, a delicate period in itself, the period of transgressions and self-determination, and I lived my life as an older sister as always, I went out carrying one sister, sometimes two, always mumbling because I was the the only one to have duties, the only one to have duties, the only one to have schedules. Yes, because my brother, on the other hand, could go out without having any task, not even buying bread, he could go and come back whenever he wanted and obviously he didn’t have to take his sisters with him.

Yet, despite all his privileges, my brother has always lived badly the birth of the third child who had taken away the role of prince of the house and growing this jealousy had increased dramatically, with screams and continuous quarrels between the two brothers, unchanged and perhaps also increased after the birth of the last child. The more time passed the more the situation degenerated. My parents both worked and were away from home everyday all day. Now that I am on the other side I begin to understand the fatigue and difficulties they have had, but the fact remains that they were not able to intervene with authority before the normal quarrels between brothers resulted in violent and heavy fights for the most disparate reasons and absurd. For example, the irrecoverable insult that triggered my brother was that my sister turned on the light to cross the room where he took his afternoon nap after school (too bad it was the living room). In short, in the afternoon after school the house became a battlefield and in the evening mom and dad could only collect some complaints that did not help them take matters into their own hands, at least not effectively. The quarrels got worse from month to month, sometimes it even happened that my sister left home to escape my brother. And me? I tried to mediate, but in front of two rubber walls in the end I always sided with what seemed to me the weak side who was also on the opposite side of my hated brother, at least since I was one year old.

Adolescence is a difficult period for everyone, but for two parents too focused on their quarrels, perhaps the adolescence of two children together could be too much, and so I simply chose not to give problems, no more than I could give in the fight between me and my sister against the hated brother. I have never failed, never failed the school, never smoked cigarettes or anything else (which went around in school), nothing, by choice. Because I saw so much madness around me (hitting hands for a light on or a remote control) that the biggest rebellion I thought was normal. But my normality didn’t keep us safe from problems. Obviously the background was the quarrels between my parents, to which were added the scholastic, relationship and bad company problems of my brother, and the problems between the two middle brothers. Everything obviously affected the whole family. My father, when he was exhausted more than once, tried to escape, my younger sister in elementary school had panic attacks and I continued to feel Responsible. So responsible that after a furious dispute and beating connected between my 21-year-old brother, 1.80 m tall for about 90 kilos, towards my 16-year-old sister who weighed at least 20 less and in which she had threatened to call the police …. Well, I accompanied her to the carabinieri, to ask for their help with an unmanageable brother and convinced that he could do what he wanted, thanks to his size. So responsible that when my father did not come home for two nights, I spent them wandering around the village alone in search of his car parked in front of the cemetery, where he took refuge to escape the delirium. So responsible that I called him secretly without telling my mother to find out if he was still alive, and when he came back dead drunk I went downstairs to clean up the vomit in front of the house entrance So responsible that the day after my high school exam I looked for him all night until I found him locked in the box inside the car turned on with a pipe that carried the exhaust gas from which it came into the cockpit. had to drag out screaming and crying Always Responsible. Always all my fault. But this is too big a burden to carry. Now I understand it. So no, I couldn’t and I didn’t want to understand it and to protect myself I could only get away, stay away from home as much as possible, taking on all possible commitments to avoid being with the family. I wanted to escape, find another dimension out of there. My dream was to have another home to return to in the evening.

Until I met him. Your dad, just him, and it was a great, engaging love that made me question everything. With him close, all of a sudden, and for the first time, I felt supported, protected, listened to. Now I know it was a mistake, but I lived for 8 years as if it were forever, thinking I had found love, light, the other half that could have completed mine. Since we met we started planning, first a house together, then the wedding (or rather 2!) And finally we wanted YOU, THE LIGHT, without shadows. For 8 years I was happy, aware of my happiness, regardless of what others said, because I was fine, I asked for nothing more and I felt grateful for the fact that I realized how happy I was. Even returning to my parents’ house had become pleasant, because I knew that at the end of the evening I could close the door behind me and return to our home, to the nest that we had laboriously built only with our sacrifices.

But it’s over. And this ending was destructive for me, devastating, it made me psychologically collapse. Suddenly and without a reason, my prince charming decides that he can’t take it anymore (but of what? Of whom?). For months I have been looking for an explanation, an answer, but perhaps there is no answer, things end up even without a reason, just like my dream, the one I consciously knew I had built and gazed at every day, vanished without my having it never lost sight of. In the space of one night I found myself alone, in a house that I suddenly felt like a stranger, without a husband, alone, with a two-year-old child whom I had the responsibility to protect and educate, with the only certainty that I did not want for anyone. reason that what I went through was going through. Does my husband no longer want to be with me?

I tried in every way to make him understand that he should not take a sudden decision, that he could think about it calmly even outside the home, maintaining normal relations for the good of our son. The only thing I knew I could never face was a lawyer. “Do what you want, take all the time you want, but if you put a lawyer in the middle, I’m sorry but it’s over for me.” I couldn’t even think of retracing my parentspath.

Unfortunately, however, one day the letter from the lawyer arrived. Another blow, but from there I said to myself: Ok, the limit has been exceeded, so you have to look forward, head high and you must go further, now there’s no turning back.

It was hard, it is still hard, feeling alone, abandoned by everyone and having the responsibility of raising a child, always being afraid of making mistakes, facing everything alone, from morning to evening, nights with fever, doubts and tiredness . It is hard, but I am putting all the possible commitment, putting my best effort into it. And I know I’ll make it !!

From today I am reborn because I want to look inside my life, starting from my childhood and empty the jar, finally let all my rags dry in the sun and I no longer want the tears to fall to avoid bursting.

I remove the wedge, let out the emotions and finally make room to welcome what will be.

Se volete vedere il video: https://www.facebook.com/RadioBinario7/videos/1346830472149278

storia vera, tratta dal blog: http://blog.pianetadonna.it/lestoriediagatha/sally/

Storie di donne – Sally

Oggi raccontimao la storia di Sally, che dopo tanto dolore nella sua famiglia d’origine, lacerata dai litigi, si ritrova a dover provare la stessa sofferenza nella sua vita matrimoniale.

“L’inizio della fine
Ecco, inizio da qui. Oggi è l’inizio della fine.
Mi sento così, con questa rivelazione, che assomiglia all’epifania di quando ti ho preso tra le braccia la prima volta, quando mi sono sentita così potente da essere stata capace di partorire, di far nascere dal mio ventre nuova vita. È stata un’esplosione, l’accendersi di una lampadina che ha spento improvvisamente il buio che ha coperto per anni quello che non sapevo, quello che non potevo conoscere prima. Sono una madre, sì. Sono la tua mamma. E quella volta, la prima volta che si è spento il buio, è quando sei nato tu. In quel momento ho capito che niente sarebbe stato più lo stesso”.

SALLY

Ma questa volta sono io a nascere, o meglio a ri-nascere. Ci vuole coraggio sai? Ci vuole coraggio, a rimettersi in discussione, a guardare dentro questo vaso dove tutto entra, a volte con violenza, a volte goccia a goccia, ma quasi niente esce.
Eppure sono qua, dopo tutto, dopo tutti questi anni di luce soffusa e penombra, dopo la luce che hai portato tu, dopo il dolore che spezza tutto, l’abbandono, i sacrifici, la rabbia, la delusione, la confusione….Si’, la confusione….
C’è una gran confusione, qui dentro, i ricordi si mescolano, i dolori sbiadiscono col tempo ma non scompaiono, rimangono come cunei e l’unica prova è l’acqua, le gocce che stillano, come un rubinetto rotto, perché il vaso è pieno e per non esplodere lascia sfiatare questa pentola a pressione.
Chi sono, chi sono stata finora? Sono stata figlia, sorella, spettatrice, attrice.

Sono stata fidanzata, moglie e Madre. Ecco ora sono tua Madre, ma forse sono sempre stata un po’ madre, perché nella mia famiglia ero la sorella maggiore. Con più responsabilità, con l’impegno la mattina di accompagnare mia sorella più piccola alla materna, prima di andare a scuola, e dopo l’impegno di andare a riprendere mia sorella mezzana. Quando ero alle medie, uscivo alle 4 e aspettavo mia sorella per tornare a casa insieme.
Sono piccole cose, lo so, ma già a 12 anni avevo la Responsabilità. Ecco un altro leit motiv: la Responsabilità. Credo di non essere mai stata solo figlia. Beh, in effetti, al mio primo compleanno c’era già mio fratello, quel fratello tanto odiato, ma forse l’unica persona che mi ha mai permesso di comportarmi da bambina. Con lui sono stata piccola, gli rubavo il ciuccio, lo facevo piangere, sono (stata?) invidiosa delle attenzioni che i miei genitori gli riservavano, ma tutto sommato, anche se non lo ricordo più, con lui sono stata bambina.
Poi, quando 5 anni dopo mio fratello, è arrivata mia sorella, ecco, lì è finita la mia infanzia. È finita subito dopo la gioia, l’emozione che solo una nascita può dare, dopo la soddisfazione di aver vinto la scommessa contro mio fratello e quella di avere un nuovo bambolotto per casa.

Già, perché se lì finiva la mia gelosia, con la vittoria per una nuova sorellina, lì iniziava la battaglia tra di loro, la gelosia di mio fratello verso mia sorella. Infine, dopo altri 5 anni eccoci al completo: 4 figli e due genitori. Una mamma, un papà, la sorella maggiore, un fratello e due sorelle. Tanti per una sola famiglia, ma soli in un paese senza radici per i miei genitori, emigrati dal sud.
Che famiglia eravamo? Una famiglia speciale, una famiglia normale, forse entrambe le cose, chi lo sa? Alla fine ogni famiglia è unica e tutto dipende da chi ne fa parte. I miei genitori non sono mai andati d’accordo. Per tanto tempo mi sono chiesta che ci facessero ancora insieme a urlarsi e rinfacciarsi cose successe prima che nascessi io, prima che si sposassero, come facessero a tenere a mente tutti quei dettagli anni, a volte decenni, dopo che erano successi? Io non ce la faccio, io dimentico, che fatica tenere a mente gli episodi dolorosi, meglio lasciar scivolare, lasciar levigare la sabbia sul bagnasciuga, preparare un foglio bianco per il prossimo capitolo.
Ecco, è così, non li ho mai capiti i miei genitori. Perché continuare a farsi del male? Eppure dopo le peggiori litigate, dopo gli schiaffi, i silenzi assordanti, i mesi a dormire sul divano, a non parlare, neppure coi propri figli, a rinfacciarsi di tutto davanti a noi… eppure, dopo l’avvocato, le minacce, le suppliche, alla fine lui in ginocchio implorava lei di perdonarlo. E così facevano pace, la serenità durava il tempo di qualche scampagnata e si ricominciava, ed ogni volta rivivevamo le stesse cose, anche se ogni volta era come fare un passo in più, un passo in più verso la follia.
Ed io cosa facevo? Io ero la sorella maggiore e mi sentivo Responsabile perché dovevo proteggere i miei fratelli. Così, quando mamma e papà litigavano, ci chiudevamo in camera o in bagno e ci raccontavamo favole, a volte cercavamo di origliare le litigate per capire di chi era la colpa quella volta. Facevamo il gioco dei presupposti, per distogliere le attenzioni dalle grida, lo avevo inventato in un momento di tensione per spiegare a mia sorella che c’è una ragione se le persone si comportano in un certo modo, basta capire qual è il loro presupposto, la loro convinzione, cosa gli passa per la testa prima di dire o fare qualcosa. L’avevo dimenticato, me lo ha ricordato proprio mia sorella poco tempo fa.
Quando capitava che ci fossi solo io in casa, invece, cercavo di mediare, facevo domande e davo risposte, spiegavo all’uno le motivazioni dell’altro e viceversa. Mi sentivo responsabile anche verso di loro, come se la famiglia l’avessi creata io con la mia nascita e non loro col loro matrimonio. È incredibile come una bambina insicura e timida riesca a sentirsi così onnipotente ed egocentrica. Eppure mi sentivo la causa di tutto quello che succedeva in famiglia, tutto il bello e tutto il brutto erano in qualche modo colpa mia.
Crescendo i problemi sono aumentati, non poteva che essere così, questo ora lo so, ma quando ero lì in mezzo tra urla e strilli di mamma e papà che si sommavano a urla, strilli e botte tra mio fratello e mia sorella, non mi capacitavo di come le cose andassero sempre solo peggio. Ed eccolo il momento peggiore. Ero alle superiori, un periodo delicato di per sé, il periodo delle trasgressioni e dell’autodeterminazione di sé, ed io vivevo come sempre la mia vita da sorella maggiore, uscivo portandomi dietro una sorella, a volte due, sempre borbottando perché ero l’unica ad avere delle incombenze, l’unica ad avere dei doveri, l’unica ad avere degli orari. Già, perché mio fratello, invece, poteva uscire senza avere nessun compito, neppure comprare il pane, poteva andarsene e tornare quando gli pareva e ovviamente non doveva portarsi dietro le sorelle.
Eppure, nonostante tutti i suoi privilegi, mio fratello ha sempre vissuto male la nascita della terzogenita che gli aveva tolto il ruolo di principino di casa e crescendo questa gelosia era aumentata a dismisura, con urla e litigi continui tra i due fratelli, invariata e forse anche aumentata dopo la nascita dell’ultimogenita. Più il tempo passava più la situazione degenerava. I miei genitori lavoravano entrambi ed erano fuori casa tutti i giorni tutto il giorno. Ora che sono dall’altra parte comincio a capire la fatica e le difficoltà che hanno avuto, ma ciò non toglie che non siano riusciti ad intervenire con autorevolezza prima che i litigi normali tra fratelli sfociassero in lotte violente e pesanti per i motivi più disparati e assurdi. Per esempio, l’affronto irrecuperabile che faceva scattare mio fratello era che mia sorella accendesse la luce per attraversare la stanza in cui lui faceva il suo riposino pomeridiano dopo la scuola (peccato che fosse il salotto). Insomma, il pomeriggio dopo la scuola la casa diventava un campo di battaglia e la sera mamma e papà potevano solo raccogliere alcune lamentele che non servivano a fargli prendere in mano la situazione, almeno non in modo efficace. Le litigate peggioravano di mese in mese, a volte era anche capitato che mia sorella si allontanasse di casa per sfuggire a mio fratello. Ed io? Cercavo di mediare, ma di fronte a due muri di gomma alla fine mi schieravo sempre con quella che mi sembrava la parte debole che era anche dalla parte opposta del mio odiato fratello, almeno da quando avevo un anno.
L’adolescenza è un periodo difficile per tutti, ma per due genitori troppo concentrati sui propri litigi forse l’adolescenza di due figli insieme poteva essere troppo, e così semplicemente io ho scelto di non dare problemi, non più di quelli che potevo dare nelle litigate tra me e mia sorella contro l’odiato fratello.
Non ho mai sgarrato, mai bigiato la scuola, mai fumato sigarette o altro (che a scuola giravano), niente, per scelta. Perché vedevo talmente tanta follia intorno a me (menar mani per una luce accesa o un telecomando) che la ribellione più grande pensavo fosse la normalità.
Ma la mia normalità non ci ha tenuti al riparo dai problemi. Ovviamente il sottofondo erano i litigi tra i miei genitori, a cui si sommavano i problemi scolastici, relazionali e di cattive compagnie di mio fratello, e i problemi tra i due fratelli mezzani. Tutto ovviamente si ripercuoteva sull’intera famiglia. Mio padre, arrivato allo stremo più di una volta ha tentato di scappare, mia sorella più piccola alle elementari aveva attacchi di panico ed io, continuavo a sentirmi Responsabile.
Talmente Responsabile che dopo una furiosa lite e botte connesse tra mio fratello di 21 anni, alto 1,80 m per circa 90 chili, verso mia sorella di 16 anni che ne pesava almeno 20 di meno e in cui lei aveva minacciato di chiamare i carabinieri…. Beh, io ce l’ho accompagnata dai carabinieri, per chiedere il loro aiuto nei confronti di un fratello ingestibile e convinto di poter fare quello che gli pareva, forte della sua stazza.
Talmente Responsabile che quando mio padre per due notti non è rientrato a casa, io le ho passate a gironzolare per il paese da sola alla ricerca della sua macchina parcheggiata davanti al cimitero, dove si rifugiava per fuggire al delirio.
Talmente Responsabile che lo chiamavo di nascosto senza dirlo a mia madre per sapere se era ancora vivo, e quando una volta è tornato ubriaco fradicio sono scesa io a pulire il vomito davanti all’ingresso di casa
Talmente Responsabile che il giorno dopo il mio esame di maturità l’ho cercato per tutta la notte finchè non l’ho trovato chiuso in box dentro la macchina accesa con un tubo che portava dentro l’abitacolo il gas di scarico da cui l’ho dovuto trascinare fuori urlando e piangendo
Sempre Responsabile. Sempre tutta colpa mia.
Ma questo è un peso troppo grosso da portare. Adesso lo capisco.
Allora no, non lo potevo e non lo volevo capire e per proteggermi potevo solo allontanarmi, stare il più possibile fuori casa, presa in tutti gli impegni possibili pur di non stare in famiglia. Volevo evadere, trovare un’altra dimensione fuori da li’.
Il mio sogno era avere un’altra casa in cui rientrare la sera.

Fino a quando non ho incontrato lui. Il il tuo papà, proprio lui, ed è stato un amore grande, totalizzante, che mi ha fatto rimettere tutto in discussione. Con lui vicino, tutto ad un tratto, e per la prima volta, mi sono sentita spalleggiata, protetta, ascoltata.
Ora so che è stato un abbaglio, ma io ho vissuto per 8 anni come se fosse per sempre, pensando di aver trovato l’amore, la luce, l’altra metà che avrebbe potuto completare la mia. Da quando ci siamo conosciuti abbiamo iniziato a progettare, prima una casa insieme, poi il matrimonio (anzi 2!) e per finire abbiamo voluto TE, LA LUCE, senza ombre.
Per 8 anni sono stata felice, consapevole della mia felicità, incurante di quello che dicevano gli altri, perché io stavo bene, non chiedevo altro e mi sentivo grata per il fatto di rendermi conto di quanto fossi felice. Anche rientrare in casa dei miei genitori era diventato piacevole, perché sapevo che a fine serata potevo chiudermi la porta alle spalle e tornare a casa nostra, nel nido che faticosamente avevamo costruito solo con i nostri sacrifici.
Ma è finita.
E questa fine è stata distruttiva per me, devastante, mi ha fatto crollare psicologicamente. All’improvviso e senza un perché il mio principe azzurro decide che non ne può più (ma di cosa? Di chi?).
Per mesi ho cercato una spiegazione, una risposta, ma forse una risposta non c’è, le cose finiscono anche senza una ragione, proprio come il mio sogno, quello che consapevolmente sapevo di aver costruito e rimiravo ogni giorno, svanito senza che lo avessi mai perso di vista.
Nel giro di una notte mi sono ritrovata sola, in una casa che improvvisamente sentivo come estranea, senza un marito, da sola, con un bimbo di due anni che avevo la Responsabilità di proteggere ed educare, con la sola certezza che non volevo per nessun motivo che passasse quello che avevo passato io. Mio marito non vuole più stare con me?

Io ho provato in tutti i modi a fargli capire che non doveva prendere una decisione affrettata, che poteva pensarci con calma anche fuori di casa, mantenendo dei rapporti civili per il bene di nostro figlio. L’unica cosa che sapevo che non avrei mai potuto affrontare era un avvocato.

“Fai quello che vuoi, prenditi tutto il tempo che vuoi, se metti in mezzo un avvocato però mi dispiace ma per me è finita”. Non potevo neanche pensare di ripercorrere la strada dei miei genitori.

Purtroppo, però, un giorno è arrivata proprio la lettera di un avvocato.

Un’altra mazzata, ma da lì mi sono detta: Ok, il limite è stato superato, allora bisogna guardare avanti, a testa alta e andare oltre, ormai indietro non si torna.

È stata dura, è ancora dura, sentirsi sola, abbandonata da tutti e avere la Responsabilità di crescere un figlio, avere sempre paura di sbagliare, affrontare da sola tutto, dalla mattina alla sera, le notti con la febbre, i dubbi e la stanchezza.

E’ dura, ma lo sto facendo con tutto l’impegno possibile mettendocela davvero tutta.

E so che ce la farò!!

Da oggi rinasco perché voglio guardarci dentro alla mia vita, partendo dalla mia infanzia e svuotare il vaso, far asciugare finalmente al sole tutti i miei stracci e non voglio più che le lacrime scendano per evitare di scoppiare. Tolgo il cuneo, faccio uscire le emozioni e finalmente faccio spazio per accogliere quello che sarà.

Se volete vedere il video: https://www.facebook.com/RadioBinario7/videos/1346830472149278

storia vera, tratta dal blog: http://blog.pianetadonna.it/lestoriediagatha/sally/

Saving at home – Ricotta and fig dessert

EVERY DAY: AN EASY – FAST – AND CHEAP – RECIPE THAT SUITS EVERYONE

Hi everyone!

Figs are one of my favorite fruits, when summer arrives I eat them in industrial quantities and my favorite combination is with ricotta.

So I decided to make a super quick dessert, with ricotta and figs.

It is ready in 20 minutes, simple to make and it can really save your dinner.

Please let me know if you liked this recipe 🙂

Let’s start:

RICOTTA AND FIG DESSERT

Ingredients for 4 people: 50 g of digestive biscuits – 25 g of almonds (plus extra to decorate) – 250 g of ricotta – 60 g of sugar – 2 figs

Preparation:

Finely chop the almond and the biscuits.

Work the ricotta with the sugar. Take two cups and make a layer of cookies.

Add the ricotta cream.

Decorate with figs and almonds and serve.

Enjoy your meal!

original recipe:

La borsetta del risparmio – Dessert ricotta e fichi

OGNI GIORNO: UNA RICETTA FACILE – VELOCE – ED ECONOMICA – PER TUTTI

Buongiorno a tutti.

I fichi sono tra i miei frutti preferiti, quando arriva l’estate ne mangio in quantità industriali e il mio accostamento preferito è con la ricotta (oltre che con le cose salate!).

Quindi ho deciso di fare un dessert velocissimo, con ricotta e fichi.

E’ pronto in 20 minuti, semplice da realizzare e può salvarvi il dopocena. Provare per credere! 🙂

Cominciamo!

DESSERT RICOTTA E FICHI

Ingredienti per 4 persone: 50 g di biscotti digestive – 25 g di mandorle (più extra per decorare) – 250 g di ricotta – 60 g di zucchero – 2 fichi 

Preparazione:

Tritate finamente i biscotti con le mandorle.

Lavorate la ricotta con lo zucchero.

Prendete due coppette e fate uno strato di biscotti.

Aggiungete la crema di ricotta.

Decorate con fichi e mandorle e servite.

Buon Appetito!

ricetta originale: https://www.gnamgnam.it/2020/09/08/dessert-ricotta-e-fichi.htm

L’aforisma del giorno – Lawrence George Durrell

This image has an empty alt attribute; its file name is scritta_aforisma.png

“Con una donna si possono fare soltanto tre cose: amarla, soffrire per lei o farne letteratura.”

“With a woman you can only do three things: love her, suffer for her or transform her into literature.”

“Avec une femme, vous ne pouvez faire que trois choses: l’aimer, souffrir pour elle ou en faire une littérature.”

Lawrence George Durrell

Quiz Time! 172

Siete pronti per la domanda di oggi?

Se vorrete, potrete dare la risposta nei commenti.

La risposta giusta sarà pubblicata domani. In bocca al lupo!

Are you ready for today’s question? Look carefully at the image!!!

If you wish, you can answer in the comments.

The correct answer will be published tomorrow. Good luck!

QUIZ – CHE COS’E’?

QUIZ – WHAT IS IT?

La risposta al quiz di ieri (QUIZ – HO IL COLLO MA NON LA TESTA)/The answer to yesterday’s quiz (QUIZ – I HAVE A NECK BUT NOT A HEAD):

Soluzione: UNA BOTTIGLIA

Solution: A BOTTLE

indovinello preso da: https://www.youtube.com/watch?v=aYl171p_KlA


Saving at home – Squid salad

EVERY DAY: AN EASY – FAST – AND CHEAP – RECIPE THAT SUITS EVERYONE

Hi everyone!

Fresh, delicious, light and easy to make, the squid salad is the perfect recipe for those who want to serve a delicious seafood dish.

It’s perfect as an appetizer, but also highly appreciated as a second course if served in larger quantities.

The squid cooked in this way becomes tender and sweet, and it can be combined successfully with other ingredients.

A slightly different salad from what we are used to, but the result is truly fabulous! try this delicious recipe and you will see how good it is.

If you have time, please let me know in the comments if you liked it!

Let’s start:

SQUID SALAD

Ingredients for 4 people: 250 g shelled shrimps – 400 g squid – drained tuna – 250 g green beans – 100 g corn – 200g cherry tomatoes – extra virgin olive oil – salt, lemon juice – pepper

Preparation:

To prepare the squid salad, first take the green beans and cut them in half, then the cherry tomatoes and the squid into rings.

Aside, make an emulsion of lemon juice, add about double in oil, add the salt and the pepper.

Put the shrimp a few seconds (until they change color), in salted boiling water together with the squid cut into rings for 3 minutes.

Do the same with the green beans cut in half and immediately after dip them into ice.

Now combine the shrimp, squid, tuna, corn, cherry tomatoes divided in half in a bowl and pour the lemon and oil emulsion.

Enjoy your meal!

original recipe: https://www.cookaround.com/ricetta/Insalata-di-totani.html