Azioni con dividendi: Analisi TOP 10 FTSEMIB

Giudizio: TENERE

Oggi analizziamo l’ultimo dei nostri 10 titoli con dividendo più alto: UBI BANCA.

UBI Banca S.p.A. è un gruppo bancario italiano di origine cooperativa, quarto per numero di sportelli con una quota di mercato del 6,7% al 31 dicembre 2018. Il gruppo nasce nel 2007 dalla fusione fra Banche Popolari Unite e Banca Lombarda

E’ un titolo da avere nel portafoglio?

Sicuramente si, visto l’alto rendimento del dividendo e la solidità del gruppo.

Il titolo è stabile e mostra un trend rialzista; secondo gli analisti l’andamento del titolo potrebbe arrivare ad una quotazione sopra i 3,30 euro per azione.

Quando comprare il titolo?

L’investimento risulta appetibile soprattutto per coloro che sono poco inclini a registrare elevati livelli di perdite e, allo stesso tempo, si accontentano di guadagni moderati. Si consiglia un’operatività di medio periodo visto l’interesse che il mercato ultimamente sta mostrando nei confronti del titolo.

Stacco dividendo: il dividendo del 2019 è stato del 4,064%.

Quotazione 20/01/2020: 2,931 euro

Dati presi da Banking Online di Banca Intesa SPA
Dati presi da Banking Online di Banca Intesa SPA

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Azioni con dividendi: Analisi TOP 10 FTSEMIB

Giudizio: SOVRAPPESARE

Oggi analizziamo il nono titolo in ordine di dividendo più alto: SNAM.

Snam è la principale utility regolata del gas in Europa. Da oltre 75 anni realizza e gestisce infrastrutture sostenibili e tecnologicamente avanzate che garantiscono la sicurezza energetica. Opera non solo in Italia ma, tramite partecipate, anche in Albania, Austria, Francia, Grecia e Regno Unito. È tra i principali azionisti di TAP (Trans Adriatic Pipeline) ed è la società maggiormente coinvolta nei progetti per la realizzazione dell’Energy Union.

E’ un titolo da avere nel portafoglio?

Sicuramente si, visto l’alto rendimento del dividendo e la solidità del gruppo.

Il titolo è stabile e mostra un trend rialzista; secondo gli analisti l’andamento del titolo potrebbe arrivare ad una quotazione sopra i 5 euro.

Questo rende il titolo molto appetibile a gran parte degli investitori.

Quando comprare il titolo?

Visto che il dividendo sarà staccato a brevissimo termine (il 20 gennaio), sarebbe meglio attendere il calo del prezzo prima di acquistarlo.

Stacco dividendo: il dividendo del 2019 è stato del 4,738%.

Quotazione 17/01/2020: 4,960 euro

Dati presi da Banking Online di Banca Intesa SPA
Dati presi da Banking Online di Banca Intesa SPA

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Azioni con dividendi: Analisi TOP 10 FTSEMIB

Giudizio: SOVRAPPESARE

Oggi analizziamo l’ottavo titolo in ordine di dividendo più alto: ATLANTIA

Atlantia è leader globale nel settore delle infrastrutture di trasporto autostradali ed aeroportuali con una presenza a livello mondiale.
L’azienda nasce negli anni ’50 per volere dell’Istituto per la Ricostruzione Industriale (IRI) con il nome di Società Autostrade Concessioni e Costruzioni SpA.

Negli anni, la denominazione dell’azienda cambierà diverse volte fino ad arrivare, nel 2007, con il nome di Atlantia.

E’ un titolo da avere nel portafoglio?

Sicuramente si, visto l’alto rendimento del dividendo e la solidità del gruppo.

L’ultimo anno per Atlantia è stato segnato dalla tragedia del Ponte Morandi a Genova. Questa triste vicenda ha scaturito molte polemiche, in particolare sulle responsabilità dell’azienda, e per questo ha influito negativamente sull’andamento del titolo in Borsa.

Tuttavia, l’azienda ha dimostrato una certa solidità in merito alla catastrofe del Ponte Morandi, con scelte e decisioni strategiche che hanno convinto gli investitori. Infatti, nei mesi successivi, dopo un crollo inevitabile delle azioni, il titolo ha ripreso a crescere chiudendo nel mese di marzo 2019 a 23,09 Euro per azione.

Stacco dividendo: il dividendo del 2019 è stato del 4,394%.

Quotazione 16/01/2020: 20,720 euro

Dati presi da Banking Online di Banca Intesa SPA
Dati presi da Banking Online di Banca Intesa SPA

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Azioni con dividendi: Analisi TOP 10 FTSEMIB

Giudizio: SOVRAPPESARE

Oggi analizziamo il settimo titolo in ordine di dividendo più alto: FCA

FCA ovvero Fiat Chrysler Automobiles, progetta, ingegnerizza, produce, distribuisce e vende autoveicoli. Nasce nel 2014 a seguito dell’acquisizione da parte di Fiat dell’americana Chrysler Group.

E’ un titolo da avere nel portafoglio?

Sicuramente si, visto l’alto rendimento del dividendo e la solidità del gruppo.

Quando comprare il titolo di FCA?

Le caratteristche che rendono questo titolo molto interessante sone le seguenti:

FCA ha già di suo un dividendo piuttosto altoIl prezzo dell’azione.

In questo momento è ancora molto conveniente in termini di prezzo.

E infine, grazie alla fusione con PSA, gli azionisti di FCA potranno beneficiare di un dividendo straordinario, che andrà ad aggiungersi alla cedola ordinaria relativa al bilancio del 2019.

Nonostante il rend ribassista di questa settimana, FCA è un investimento maggiormente indicato a soggetti avversi al rischio.

Stacco dividendo: il dividendo del 2019 è stato del 5,113%.

Quotazione 15/01/2020: 12,486 euro

Dati presi da Banking Online di Banca Intesa SPA
Dati presi da Banking Online di Banca Intesa SPA

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Azioni con dividendi: Analisi TOP 10 FTSEMIB

Giudizio: SOVRAPPESARE

Oggi analizziamo il sesto titolo in ordine di dividendo più alto: BANCA GENERALI

Banca Generali S.p.A. è una banca orientata prevalentemente alla consulenza finanziaria e alla gestione del patrimonio finanziario delle famiglie, attraverso una rete di promotori finanziari. La società amministra 47.5 miliardi di euro ed è presente in tutto il territorio italiano con 43 filiali e 137 agenzie.

E’ un titolo da avere nel portafoglio?

Sicuramente si, visto l’alto rendimento del dividendo e la solidità del gruppo.

Quando comprare il titolo di Banca Generali?

Secondo gli analisti del portale ProiezionidiBORSA nel medio periodo il titolo potrebbe avere un trend ribassista fino ad arrivare in area 24,8€, Questo livello rappresenta un supporto fortissimo dal quale le quotazioni potrebbero ripartire per far guadagnare nel 2020 circa il 100% agli azionisti di Banca Generali.

Una possibile strategia di trading, quindi, potrebbe essere quella di comprare in area 24,8€-25,4€.

Stacco dividendo: il dividendo del 2019 è stato del 4,134%.

Quotazione 13/01/2020: 30,980 euro

Dati presi da Banking Online di Banca Intesa SPA
Dati presi da Banking Online di Banca Intesa SPA

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Azioni con dividendi: Analisi TOP 10 FTSEMIB

Giudizio: COMPRARE

Oggi analizziamo il quinto titolo in ordine di dividendo più alto: UNICREDIT

Unicredit spa (ex Unicredito Italiano spa) è uno dei primari gruppi bancari in Italia ed in Europa.
Il gruppo eroga servizi bancari e finanziari ad oltre 25 milioni di clienti, e si colloca al secondo posto, nella classifica dei gruppi bancari italiani, dopo Intesa SanPaolo spa.

E’ un titolo da avere nel portafoglio?

Sicuramente si, visto l’alto rendimento del dividendo e la solidità del gruppo.

Due fattori che hanno rafforzato il gruppo Unicredit:

In primis è il fatto che unicredit ha ottenuto un finanziamento dalla BEI (Banca Europea per gli Investimenti) per circa 300 milioni di euro. Questo accordo rafforza il legame tra Unicredit e BEI per sostenere il sistema produttivo italiano.

Il secondo fattore riguarda l’accordo siglato con Alibaba Group per supportare le aziende italiane che esportano. Sia Unicredit, sia Alibaba, promuoveranno iniziative di marketing volte a promuovere l’export italiano sulla piattaforma (Alibaba.com). I clienti di Unicredit avranno l’accesso diretto ad Alibaba.com, il più grande mercato globale online cinese. Inoltre, Unicredit supporterà le azione italiane a raggiungere la clientela internazionale attraverso servizi di vendita dedicati.

Stacco dividendo: il dividendo del 2019 è stato del 2,015% e balzerà al 5,9%. %

Visto la quotazione molto elevata in questo momento, è importante tenere conto del fatto che acquistandolo ora potrebbe non essere conveniente rivenderlo a breve termine (vi ricordate cosa succede subito dopo lo stacco del dividendo?)

Quotazione 10/01/2020: 13,40 euro

Dati presi da Banking Online di Banca Intesa SPA
Dati presi da Banking Online di Banca Intesa SPA

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Azioni con dividendi: Analisi TOP 10 FTSEMIB

Giudizio: SOVRAPPESARE

Oggi analizziamo il quarto titolo in ordine di dividendo più alto: ENI

Le azioni Eni, quotate in borsa dal 1995, sono subito diventate uno dei titoli preferiti dagli investitori italiani. Le ragioni di questo successo sono dovute ai seguenti fattori: la visibilità del marchio, la solidità dell’azienda e l’alto tasso di dividendo.

E’ un titolo da avere nel portafoglio?

Sicuramente si, visto l’alto rendimento del dividendo.

L’andamento storico delle azioni Eni è sempre stato costante, per cui la remunerazione offerta è determinata dal dividendo pagato.

Ciò deriva anche dal fatto che il titolo ha una capitalizzazione enorme e ci vogliono grandissimi volumi per muovere il prezzo. E’ importante notare che, spesso, chi compra le azioni ENI lo fa per tenerle e non per fare speculazione.

Il 22,50% dei titoli sono in mano ad investitori istituzionali che con grandi probabilità non le venderanno mai, anche in considerazione della presenza del titolo nei più importanti indici di borsa.

Stacco dividendo: maggio 2020 del 5,941%

Quotazione 10/01/2020: 14,126 euro

Dati presi da Banking Online di Banca Intesa SPA
Dati presi da Banking Online di Banca Intesa SPA

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Azioni con dividendi: Analisi TOP 10 FTSEMIB

Giudizio: TENERE

Oggi analizziamo il terzo titolo in ordine di dividendo più alto: UNIPOLSAI

Tra i titoli e azioni da comprare a Piazza Affari sicuramente non va annoverato in questo momento UnipolSAI. Il giudizio degli analisti, infatti, è molto severo tanto che anche nell’ipotesi più ottimistica il titolo risulta essere sopravvalutato del 4%.

L’unico aspetto per il quale UnipolSAI vale la pena l’investimento è il rendimento del dividendo che è di circa il 6%.

E’ un titolo da avere nel portafoglio?

Sicuramente si, visto l’alto rendimento del dividendo.

Anche in questo caso è auspicabile valutare quando acquistarlo, ovvero attendere che il prezzo del titolo si abbassi.

Stacco dividendo: 20 maggio 2019 di euro 0,145 per azione (5,644%)

Quotazione 09/01/2020: 2,598 euro

Dati presi da Banking Online di Banca Intesa SPA
Dati presi da Banking Online di Banca Intesa SPA

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Azioni con dividendi: Analisi TOP 10 FTSEMIB

Giudizio: SOTTOPESARE

Oggi analizziamo il secondo titolo in ordine di dividendo più alto: AZIMUT

Le raccomandazioni su Azimut dipendono da quale criterio si utilizza nel valutare l’acquisto.

Per gli analisti il titolo è sopravvalutato di circa il 10% e il consenso medio è HOLD. Per cui non si incentiva all’acquisto delle azioni.

Secondo il criterio del fair value, invece, Azimut risulta essere sottovalutato del 20% circa. Un’azione, quindi, sulla quale investire, con buone prospettive di crescita.

Se sia un affare o meno acquistare azioni Azimut, quindi, dipende da quale approccio si segue. In questi casi, in assenza di segnali di acquisto unici, è meglio essere prudenti.

E’ un titolo da avere nel portafoglio?

Sicuramente si, visto l’alto rendimento del dividendo.

Anche in questo caso è auspicabile valutare quando acquistarlo, ovvero attendere che il prezzo del titolo si abbassi.

Stacco dividendo: 20 maggio 2019 di euro 1,20 per azione (5,477%)

Quotazione 08/01/2020: 21,80 euro

Dati presi da Banking Online di Banca Intesa SPA
Dati presi da Banking Online di Banca Intesa SPA

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Azioni con dividendi: Analisi TOP 10 FTSEMIB

Giudizio: SOTTOPESARE

Come menzionato nel post di ieri sui 10 titoli con dividendi generosi per il 2020, a partire da oggi ne valuteremo uno giorno per giorno.

Iniziamo con il primo della classifica: Intesa Sanpaolo

A causa della situazione geopolitica internazionale, in particolare dovute alle tensioni Usa-Iran, i titoli bancari sono stati quelli che ne hanno risentito di più nei primi giorni del 2020.

Nonostante il calo di questi giorni, il titolo ha ancora una quotazione piuttosto alta.

Lo scenario tecnico visto ad una settimana del titolo rispetto all’indice, mette in evidenza un rallentamento del trend di Intesa Sanpaolo rispetto al FTSE MIB, e ciò rende il titolo potenziale obiettivo di vendita da parte degli investitori.

E’ un titolo da avere nel portafoglio?

Sicuramente si, visto l’alto rendimento del dividendo.

Visto l’andamento del titolo, è auspicabile valutare quando acquistarlo (in questo momento, il trend è ribassista).

Stacco dividendo: 20 maggio 2019 di euro 0,197 per azione (8,419%)

Quotazione 07/01/2020: 2,349 euro

Dati presi da Banking Online di Banca Intesa SPA
Dati presi da Banking Online di Banca Intesa SPA

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.