Women’s stories – Clementine

Today’s story is that of Clementine, a woman who realizes that something is missing in her golden life. For a time she feels confused, lost: she has a husband who adores her, a much-desired son and a fulfilling job. What can she miss?

CLEMENTINE

Every morning leaving house before him, I would slide away from his body, letting him sleep. I was confused and sleepy in the kitchen in front of my cup of hot milk and wrote a love note saying good morning. For him. He would do the same by making me find a note in the evening. Good morning Princess. Goodnight beauty. Everyday. Years of engagement and marriage, the arrival of a child, had not in the least affected this sweet routine, the effusions, the love atmosphere and peace that hung around us. You don’t look like a married couple, many told us, but two sweethearts in love like the first day.

These sweet actions have cheered my wedding, apparently perfect and envied. Yet I felt inside me that a piece of my heart was missing. Yes, somewhere something was inexorably wavering. Sometimes I found myself in the office lost in distant thoughts, in imaginative worlds, losing all contact with real life. Something was wrong. The circle did not close perfectly on my life as a wife and mother. I had the terrible feeling of pretending, living a life that didnt belong to me. I was fumbling in an attempt to look into the immense void that had opened inside of me. What was I missing? A loving and caring husband, a desired and loved child, a satisfying and profitable job.

I had all the requisites that this society counts among those indispensable for a happy and fulfilled life. Yet they werent enough to make me feel complete. The sleepless nights began without a reason. My fear began of compromising with my increasingly frequent bad moods what I had built and wanted more than anything else in the world. That house, designed, furnished, desired, was becoming a prison in which my soul yearned to feel free and at peace.

This is how you found me when you entered in my life.

I saw you at an cocktail. You were on the sidelines with your drink in hand. You looked around bored. Instinct did it before me, before the elaboration of any rational thought, I was there next to you, talking about everything and nothing, happy to be inundated by your immense smile. I had lost track of space and time when my husband came to tell me it was time to go and asked me to introduce him to that new friend. Ginevra, nice to meet you.

That night I did nothing but think of you. I wanted to see you again. I just needed to see you again. In the morning I drank my coffee quickly and sneaked out of the house with one goal. Find yourself. In our conversation you told me to work in a real estate agency across town. I called the office saying I wasn’t going to work that day and came to see you. What madness!

A woman had changed my life. My belly was in turmoil, every fiber of my body trembled, when, standing in front of the agency’s window, I was trying to find the courage to come in and ask you if you wanted to have lunch with me. But the footsteps went by themselves towards your desk, without my being able in any way to hinder their determined and firm progress. I was passing by, shall we eat together? Yes, gladly … Then my heart was not wrong when it was deluded that for you too that meeting had been something strong and overwhelming. I went crazy with joy.

How to tell the happiness of that and subsequent lunches. Oh how many! Dinners at her house, chats on the sofa, walks looking at each others in the eyes. Ginevra and me.

When I was away from her the thought of those lips weakened me, I could not work, concentrate, think. Suddenly I no longer felt that emptiness that was drying me up. Ginevra had filled every gap in my soul.

Thus began my life in the middle, split in two realities. During the day still wife and mother, in the evening often a clandestine lover. I fulfilled my duties as a married woman: shopping, preparing lunches and dinners, the child from school, the swimming pool.

But a fire was growing inside me that made me feel alive and happy, making every molecule in my body vibrate. How many lies and how many excuses to cover that fire. I escaped more and more often from the hands of my husband who sought me out at night, in the dark.

I had to go away. I could not bear this life any longer. I was tired of too many lies, of the falsehood that I was surrounding my life with. And then I wanted to be with her, wake up and fall asleep in her arms. Everyday. So, on a June evening, the windows open on the incipient heat, I sat next to him and told him that I was not in love him anymore, to have great and new feelings for another person. I omitted that it was a woman. I didn’t want to upset him any more than he already was. But it wasn’t long before the truth broke out.

My husband did not accept that truth too harsh for his pride as a wounded male: his wife was leaving home for another woman. And then my son. In the midst of daily fights he was contended among the reasons of a father who camped dangerous consequences of my bad behaviour on his psyche.

Lawyers, psychologists, judges, friends no longer friends, poisoned my daily routine.

My battle still continues today. A relentless struggle to claim the legitimacy of our love. To try not to get overwhelmed by feelings of guilt for having lost everyday life with my son. No more kisses in the morning and cuddles in the evening, but only aseptic meetings for a few hours in anonymous places that take my breath away and the words to tell him how much I love him and how much I miss him. Short phone calls. How did school go? While a “as usual mom” closes the door to our brief conversation.

Sometimes I wake up in the middle of the night in an indescribable anguish. Thoughts that create inner troubles, bizarre nocturnal awakenings and strange dreams. But above all an idea that terrorizes me: that she is no longer next to me and that my bed suddenly becomes cold and empty.

I think and think again: is it really that important to understand what we are, in love? Because love changes us, devastates us, makes us evolve, we lose ourselves, our boundaries as man and woman, our sex, and we become something else. I can’t find the answers I’m looking for.

I just know that today I am no longer the woman I used to be, writing good morning notes to her husband in an “almost perfect” life. I bet all my chips on this number, for me a winner in the roulette of life.

original story from: http://blog.pianetadonna.it/lestoriediagatha/clementine/

Storie di donne – Clementine

Oggi la storia è quella di Clementine, una donna che si rende conto che nella sua vita dorata le manca qualcosa. Per un periodo si sente confusa, persa: ha un marito che la adora, un figlio tanto desiderato e un lavoro appagante. Cosa può mancarle?

Buona lettura 🙂

CLEMENTINE

Ogni mattino uscendo di casa prima di lui, scivolavo via dal suo corpo caldo forzatamente, lasciandolo dormire. Mi trovavo confusa e assonnata in cucina davanti alla mia tazza di latte caldo e scrivevo un biglietto di buongiorno e d’amore. Per lui. Che ricambiava facendomi trovare un bigliettino la sera. Buongiorno principessa. Buonanotte splendore.

Tutti i giorni. Anni di fidanzamento e di matrimonio, l’arrivo di un figlio, non avevano minimamente scalfito la dolce routine, le effusioni, l’atmosfera di amore e di pace che ci aleggiava intorno. Non sembrate una coppia sposata, ci dicevano in tanti, ma due fidanzatini innamorati come il primo giorno.

Queste dolcezze hanno allietato il mio matrimonio, all’apparenza perfetto e invidiato. Eppure sentivo dentro di me che mancava un pezzo di cuore. Si, da qualche parte qualcosa vacillava inesorabilmente. A volte mi ritrovavo in ufficio persa in pensieri lontani, in mondi immaginifici perdendo ogni contatto con la vita reale.

Qualcosa non quadrava. Il cerchio non si chiudeva perfettamente sulla mia vita di moglie e madre. Avevo la terribile sensazione di fingere, vivendo una vita che non mi apparteneva. Annaspavo nel tentativo di guardare nel vuoto immenso che si era aperto come una voragine dentro le mie viscere. Cosa mi mancava? Un marito innamorato e premuroso, un figlio desiderato e amato, un lavoro soddisfacente e redditizio.

Tutti i requisiti che questa società annovera fra quelli indispensabili per una vita felice e realizzata, io li avevo. Eppure non bastavano a farmi sentire piena.
Cominciarono le notti insonni senza un perché. Cominciò la paura di compromettere con i miei sempre più frequenti malumori ciò che avevo costruito e voluto più di ogni altra cosa al mondo. Quella casa, progettata, arredata, desiderata, stava diventando una prigione in cui la mia anima anelava a sentirsi libera e in pace.

Così mi hai trovata quando sei arrivata tu.

Ti ho vista ad un aperitivo. Eri in disparte con il tuo drink in mano. Ti guardavi intorno annoiata. L’istinto ha fatto prima di me, prima dell’elaborazione di un qualsiasi pensiero razionale, io ero lì accanto a te, a parlare di tutto e di niente, felice di essere inondata dal tuo sorriso immenso. Avevo perso la cognizione dello spazio e del tempo quando mio marito è venuto a dirmi che era ora di andare e mi ha chiesto di presentargli quella nuova amica. Ginevra, piacere.

Quella notte non ho fatto altro che pensare a te. Volevo rivederti. Avevo solo bisogno di rivederti. Al mattino ho bevuto il mio caffè in fretta e sono sgusciata via di casa con un solo obiettivo. Ritrovarti. Nella nostra conversazione mi avevi detto di lavorare in un’agenzia immobiliare dall’altra parte della città. Ho chiamato in ufficio dicendo che non sarei andata al lavoro quel giorno e sono venuta da te. Che follia!

Una donna mi aveva sconvolto le viscere gettandomi in preda ad una febbre delirante. La pancia era in subbuglio, ogni fibra del mio corpo tremolava, quando, ferma davanti alla vetrina dell’agenzia, cercavo il coraggio per entrare e chiederti se avevi voglia di pranzare con me. Ma i passi andavano da soli verso la tua scrivania, senza che io potessi ostacolare in qualche modo il loro procedere deciso e fermo. Passavo di qua, mangiamo insieme?
Si, volentieri… Allora il mio cuore non sbagliava quando si era illuso che anche per te quell’incontro era stato qualcosa di forte e travolgente. Impazzivo di gioia.

Come raccontare la felicità di quello e dei pranzi successivi. Oh quanti! Delle cene a casa sua, delle chiacchierate sul divano, delle passeggiate occhi negli occhi. Ginevra ed io.

Fare l’amore con lei era qualcosa di inebriante, mi sentivo persa, annullata e ricomposta ogni volta in ogni amplesso. Morivo e rinascevo nuova fra le sue braccia come un’immensa variopinta fenice.
Ero ossessionata dalle sue labbra.

Quando ero lontana da lei il pensiero di quelle labbra mi infiacchiva, non riuscivo a lavorare, a concentrarmi, a pensare. Desideravo solo perdermi in quella morbidezza languida.
Improvvisamente non sentivo più quel vuoto che mi inaridiva. Ginevra aveva colmato ogni interstizio della mia anima. Non desideravo altro che stare con lei, fare l’amore con lei. O starle semplicemente accanto.
Ero felice. A volte mi scoprivo a pensarla mentre una lacrima mi bagnava le gote.
Io amavo una donna, nel modo più completo e appassionato, come non mi era mai successo con un uomo, mai. Carezze di mani femminili avevano indicato al mio corpo arrendevole sentieri di un piacere inimmaginabile, indescrivibile.

Cominciò così la mia vita a metà. Di giorno ancora moglie e madre, la sera spesso amante clandestina. Ottemperavo ai miei compiti di donna sposata: la spesa, la preparazione di pranzi e cene, il bambino da scuola, la piscina.

Ma dentro mi ribolliva un fuoco che mi faceva sentire viva e felice, facendo vibrare ogni molecola del mio corpo. Quante bugie e quante scuse per coprire quel fuoco. Mi sottraevo sempre più spesso alle mani di mio marito che mi cercavano di notte, nel buio. Mi sentivo sporcata da quel tocco per me ormai rude.

Volevo sentire su di me solo le mani piccole e leggere di Ginevra. La dolcezza e il modo con cui lei sapeva toccare il mio corpo trepidante, accendevano le corde della mia eccitazione, ben lontani dalla frettolosità e dalla forza con cui mio marito cercava di avvicinarsi a me.

Dovevo andare via. Non potevo sopportare oltre l’oltraggio. Ero stanca delle troppe bugie, della falsità di cui stavo circondando la mia vita. E poi volevo stare con lei, svegliarmi e addormentarmi fra le sue braccia. Ogni giorno.
Così, in una serata di giugno, le finestre aperte sul caldo incipiente, mi sono seduta accanto a lui e gli ho detto di non amarlo più, di provare sentimenti grandi e nuovi per una persona. Ho omesso che si trattava di una donna. Non volevo sconvolgerlo più di quanto lo fosse già. Ma non passò molto tempo che la verità ruppe i suoi argini, impetuosa e inarrestabile.

Seguirono giorni di lotta feroce, di ferite profonde. Mio marito non accettava quella verità troppo dura per il suo orgoglio di maschio ferito: sua moglie andava via di casa per un’altra donna.
E poi mio figlio. In mezzo a liti e deliri quotidiani. Conteso fra le ragioni di un padre che accampava pericolose conseguenze della mia infausta scelta sulla sua psiche.

Avvocati, psicologi, giudici, amici non più amici, avvelenavano le mie pesanti giornate.
Poi però la sera mi ritrovavo davanti ad un bicchiere di vino e ad i suoi occhi belli, al suo sorriso inebriante di fronte ai quali tutto sembrava ritrovare il suo senso. Le notti passate con lei, persa nel profumo amaro della sua pelle di seta, mi davano la forza di affrontare i miei giorni difficili.

Ancora oggi perdura la mia battaglia. Una lotta senza quartiere per rivendicare la legittimità del nostro amore. Per cercare di non farmi sopraffare dai sensi di colpa per aver perso la quotidianità con mio figlio. Niente più bacetti al mattino e coccoline di sera, ma solo incontri asettici per qualche ora in luoghi anonimi che mi tolgono il fiato e le parole per dirgli quanto lo amo e quanto mi manca. Brevi telefonate. Com’è andata a scuola? Mentre un ” come al solito mamma” chiude la porta alla nostra conversazione sul nulla. Un macigno pesante.

A volte mi sveglio nel cuore della notte in preda ad un’angoscia indescrivibile. Pensieri che creano ingorghi interiori, cervellotici risvegli notturni e sogni deliranti. Ma soprattutto un’idea che mi gela le vene: che lei non ci sia più accanto a me e che il mio letto diventi d’improvviso freddo e vuoto.

Allora mi prende la voglia di stringerla a me, fortissimamente, per saldare il suo corpo al mio, mescolando la carne alla carne. Lei si sveglia mi sorride e mi riempie la faccia di baci.
Le mie domande rimangono inespresse, nella gola secca. E se dovesse finire fra noi? Se un giorno fossi esiliata dal suo giardino in fiore, se la perdessi per sempre?

Penso e ripenso: è davvero così importante capire cosa siamo, in amore? Perché l’amore ci cambia, ci devasta, ci fa evolvere, perdiamo noi stessi, i nostri confini di uomo e donna, il nostro sesso, e diventiamo altro.
Non trovo le risposte che cerco.

So solo che oggi non sono più la donna che ero, che scriveva biglietti di buongiorno al marito nella sua vita “quasi perfetta”. Ho puntato tutte le mie fiches su questo numero, per me vincente nella roulette della vita.

preso dal blog: http://blog.pianetadonna.it/lestoriediagatha/clementine/