La notizia di oggi

BILANCIO 2019:

BANCO BPM IN UTILE E ANNUNCIO RITORNO DIVIDENDO

(Teleborsa) – Banco BPM chiude chiude l’esercizio 2019 con un utile netto consolidato di 797 milioni di euro, che si confronta con una perdita di 59 milioni dell’esercizio 2018. L’utile netto adjusted cresce a 648,6 milioni.

L’anno ha visto scendere sia il margine di interesse del 12,9% a 1.998 milioni, che le commissioni del 3,6% a 1.794,4 milioni di euro.

La redditività complessiva del Gruppo si è attestata a 1.323,7 milioni e si confronta con un dato negativo di -578,2 milioni nel 2018.

Questi risultati sono stati raggiunto “in parallelo al prosieguo dell’attività di derisking” – sottolinea la banca – che si è riflessa in un calo del NPE ratio netto al 5,2% (era 6,5% a fine 2018) e nella forte riduzione del costo del credito (73 bp rispetto ai 184 bp del dicembre 2018).

Banco BPM ha registrato un ulteriore rafforzamento patrimoniale, con un CET1 Ratio phased-inal 14,6% (era 12,1%) e del CET1 fully loaded al 12,8% (10% nel 2018).

Torna anche il dividendo. Nella seduta odierna il Consiglio di Amministrazione ha deliberato di proporre alla prossima Assemblea la distribuzione di un dividendo cash per azione di 0,08 euro, per complessivi 121,2 milioni di euro.

Le indicazioni sono da considerarsi meri strumenti di informazione, e non intendono in alcun modo costituire consulenza finanziaria, sollecitazione al pubblico risparmio o promuovere alcuna forma di investimento.

La notizia di oggi

FINCANTIERI

CONSEGNATA AD ANCONA NAVE SEVEN SEAS SPLENDOR

Si è svolta oggi presso lo stabilimento di Ancona la cerimonia di consegna di Seven Seas Splendor, la seconda nave da crociera ultra-lusso realizzata da Fincantieri per Regent Seven Seas Cruises, brand del gruppo Norwegian Cruise Line Holdings.

La società armatrice ha già ordinato a Fincantieri una terza unità della serie, che sarà consegnata nel 2023.

Le indicazioni sono da considerarsi meri strumenti di informazione, e non intendono in alcun modo costituire consulenza finanziaria, sollecitazione al pubblico risparmio o promuovere alcuna forma di investimento.

La notizia di oggi

Astaldi: in arrivo accordo per Progetto Italia

A Piazza Affari le azioni di Astaldi stanno guadagnando oltre il 2%

Grande giornata per Astaldi, che sta mettendo a segno sulla borsa milanese un rialzo del 2,02%. A galvanizzare il titolo alcune indiscrezioni stampa relative al raggiungimento di una possibile intesa su Progetto Italia, che salverebbe il General Contractor grazie alla creazione di un maxi polo delle costruzioni. In particolare secondo i rumors, Salini Impregilo e CDP avrebbero raggiunto un’intesa sulla governance.

L’analisi del titolo eseguita su base settimanale mette in evidenza la trendline rialzista del più pronunciata rispetto all’andamento del FTSE Italia Star. Ciò esprime la maggiore appetibilità verso il titolo da parte del mercato.

Lo scenario tecnico di Astaldi mostra un ampliamento della trendline discendente al test del supporto 0,614 Euro con area di resistenza individuata a quota 0,6555. La figura ribassista suggerisce la probabilità di testare nuovi bottom identificabili in area 0,5975.

Informazioni prese da http://www.teleborsa.it

Le indicazioni sono da considerarsi meri strumenti di informazione, e non intendono in alcun modo costituire consulenza finanziaria, sollecitazione al pubblico risparmio o promuovere alcuna forma di investimento.

La notizia di oggi

ACCORDO STRATEGICO TRA ENI E FALCK RENEWABLES

ENI e Falck Renewables hanno firmato un accordo strategico per lo sviluppo congiunto di progetti di energia rinnovabile negli Stati Uniti. L’intesa prevede la creazione di una piattaforma paritetica tra Eni New Energy e Falck Renewables North America per lo sviluppo, la costruzione e il finanziamento di nuovi progetti da fonte rinnovabile come solari fotovoltaici, eolici onshore e di stoccaggio. Secondo i termini dell’accordo, Falck Renewables North America cederà a Eni New Energy il 49% delle quote di partecipazione negli impianti attualmente in esercizio negli Stati Uniti.

Il valore totale pagato da Eni New Energy a Falck Renewables North America sarà pari a circa 70 milioni di dollari.

Questo scritto è redatto al solo scopo informativo e non costituisce sollecitazione al pubblico risparmio. Chiunque lo utilizzi per altri scopi, se ne assume la piena responsabilità.