La borsetta del risparmio

Come promesso, in questo blog parleremo non solo di investimenti ma anche di come risparmiare in casa.

Oggi vi propongo una ricetta che, oltre ad essere economica, è anche molto gutosa e di facile esecuzione.

La ricetta low-cost di oggi

Pane e Panelle

Ingredienti:

200 gr di farna di ceci, 500 ml di acqua, olio e.v.o (oppure anche di mais) per friggere, un cucchiaio di prezzemolo tritato, sale, pepe, panini al sesamo. Se volete rendere la ricetta più sfiziosa, potete aggiungere pomodori, insalata e il succo di 1/2 limone.

In una ciotola mettete l’acqua fredda, aggiungete la farina di ceci setacciata e mescolate bene con una frusta. Accertatevi che non vi siano grumi.

Versate il composto in una pentola, aggiungete sale e pepe. Fate cuocere mescolando continuamente con una frusta fino a quando non si sarà ben addensato e tenderà a staccarsi dai bordi.

Spegnete e aggiungete il prezzemolo tritato.

Versate l’impasto in due tazze precedentemente oleate e fate rapprendere fino a raggiungere una consistenza compatta e consistente (ci vorrà circa un’ora).

A questo punto tagliate le panelle a fette alte circa mezzo centimetro e friggete in olio caldo, fino a completa doratura.

Fatele asciugare su carta assorbente e aggiungete un pizzico di sale.

Infine, farcite il vostro panino. Lo potete arricchire con insalata e pomodori, ma sono ottime anche con solo qualche goccia di limone.

Troverete questa e tante altre ricette sulla pagina facebook: https://www.facebook.com/aifornelliconcry/

La lista della spesa

Eccoci, all’inizio del mese con il nostro appuntamento sulla frutta e verdura da inserire nella nostra lista della spesa:

La frutta e verdura di stagione: Ottobre

verdure:

Bietole, carciofi, broccoli, carote, cavoli, cicoria, finocchi, insalate, porri, radicchio, ravanelli, sedano, spinaci, zucche

frutta

cachi, castagne, clementine, fichi, giuggiole, mandorle, mele, mele cotogne, melagrana, nocciole, noci, pere, pompelmi, uva

Nonostante il fatto che ormai siamo abituati a trovare tutta la frutta e la verdura durante tutto l’anno, ecco 5 buoni motivi per l’acquisto di frutta e verdura di stagione:

Come già menzionato il mese scorso, ci sono diversi motivi per acquistare la frutta e verdura di stagione, rivediamoli:

Minor costo

Minor utilizzo di pesticidi

Sono più salutari

Sono più gustosi

Più rispetto per l’ambiente

La lista della spesa

Come fare una spesa intelligente? Oggi parliamo della prima cosa da inserire nella lista della sprsa:

La frutta e verdura di stagione: Settembre

bietole, carote, cavoli, cetrioli, cicoria, melanzane. fagiolini, insalate, patate, peperoni, pomodori, rape, ravanelli, rucola, sedano, spinaci, zucca, zucchine, radicchio

fichi, fichi d’india, lamponi, mandorle, giuggiole, mele, susine, meloni, mirtilli, more, nocciole, pesche, uva, pere

Nonostante il fatto che ormai siamo abituati a trovare tutta la frutta e la verdura durante tutto l’anno, ecco 5 buoni motivi per l’acquisto di frutta e verdura di stagione:

Minor costo

In questo periodo di crisi non è poco. Questo è dovuto al fatto che gli ortaggi di stagione non hanno bisogno di serre, non si consuma energia aggiuntiva per farli crescere e maturare sfruttando quella del sole. Se poi scegliamo prodotti a km zero, coltivati cioè vicino al luogo di residenza, il risparmio è ancora maggiore, poiché abbatteremo anche i costi di trasporto.

Minor utilizzo di pesticidi

Questo vale soprattutto per gli ortaggi biologici e biodinamici. Anche quelli non bio, tuttavia, se sono di stagione richiedono una quantità nettamente inferiore di prodotti chimici per eliminare i parassiti. Le piante coltivate in periodi diversi dalla loro normale stagione, infatti, risultano indebolite e sono più facilmente preda di insetti indesiderati.

Sono più salutari

Oltre al fatto dell’utilizzo minore di pesticidi, le piante che seguono il loro normale ciclo di vita presentano una quantità maggiore di nutrienti e principi attivi e apportano la giusta quantità di calorie in relazione al periodo dell’anno.

Sono più gustosi

I prodotti di stagione sono più buoni, profumati, aromatici. Per esempio, fateci caso, i pomodori d’inverno non hanno praticamente sapore e spesso si è costretti ad esagerare coi condimenti. Se seguiamo il criterio del gusto, difficilmente sbaglieremo.

Più rispetto per l’ambiente

Per far crescere la verdura e la frutta fuori stagione servono grandi serre riscaldate e illuminate che richiedono molta energia. Anche pesticidi e fertilizzanti utilizzati per i cibi fuori stagione sono di sintesi, quindi derivati dal petrolio. Gli ortaggi fuori stagione, dunque, risultano molto inquinanti. Se poi provengono da altri Stati e aggiungiamo il costo ambientale dei trasporti (su strada o aerei), ancora di più! Tutto ciò significa anidride carbonica che si va ad aggiungere a quella già presente in atmosfera, incrementando l’effetto serra e peggiorando il nostro ambiente.

La borsetta del risparmio

Come promesso, in questo blog parleremo non solo di investimenti ma anche di come risparmiare in casa.

Oggi torniamo alle nostre ricette.

Questa è un pò più lunga come procedura, ma credetemi, non potrete più farne a meno!

Stiamo parlando delle conserve fatte in casa, per niente difficili nell’esecuzione, ma che richiedono un pò di pazienza.

La ricetta low-cost di oggi

Le conserve fatte in casa: la passata di pomodoro

Ingredienti:

6 kg pomodori da sugo, 2 spicchi d’aglio, 2 cucchiai di zucchero, una cipolla tritata finemente, 3 cucchiai di sale, spezie, basilico, 7 barattoli in vetro per conserve.

Per prima cosa lavate con cura i pomodori.

Mettete sul fuoco due pentole grandi piene di acqua. Una la utilizzerete per sterilizzare i vasetti, l’altra per scottare i pomodori.

Portate entrambe a ebollizione. Nella prima mettete i vasetti e i coperchi e lasciate bollire per 20 minuti.

Nella seconda pentola, scottate i pomodori (basta immergerli per poco). Questo vi consentirà di togliere facilmente la pellicina dal pomodoro.

Intanto che tagliate grossolanamente i pomodori, fate soffriggere (sempre in una pentola piuttosto grande), la cipolla.

Aggiungete i pomodori, aggiungete l’aglio (vi consiglio di infilzarlo su uno stuzzicadente, in modo da poterlo rimuovere facilmente a fine cottura), le spezie, il sale e lo zucchero.

Lasciate cuocere a fuoco basso per mezz’ora.

Intanto mettete i vasetti sterilizzati su un canovaccio e lasciate asciugare.

A fine cottura passate i pomodori con un frullatore ad immersione.

Lasciate cuocere per ancora venti minuti.

Aggiungere il basilico e riempire i vasetti. Chiudeteli bene e rimetteteli a bollire per altri venti minuti.

Attenzione, è molto importante che i vasetti siano sterilizzati correttamente. Per verificare, basta (una volta che si sono raffreddati), premere sul tappo, il quale non deve fare rumore (clic clac).

Conservazione:

Una volta sterilizzate, le conserve possono rimanere in dispensa anche per parecchi mesi.